La plastica sostenibile esiste? Il tema è dibattuto, attuale e quanto mai delicato. Che il pianeta necessiti di un’inversione di tendenza nei comportamenti umani è ormai un dato di fatto, ma è bene analizzare nel dettaglio il panorama al fine di adottare strategie e soluzioni efficaci per ridurre l’impatto della plastica sul pianeta. È davvero corretto demonizzare la plastica cercando soluzioni alternative in fretta e furia, rischiando di non calcolare i danni collaterali?

Probabilmente la verità sta nel mezzo: è giusto ripensare il mondo della plastica, ma è corretto anche individuare soluzioni che rendano il polimero meno impattante su ciò che ci circonda. Sofair nei giorni scorsi ha partecipato a “Il futuro della gomma e della plastica: tra circular economy e sostenibilità dei prodotti”, dibattito sulle sfide dei territori e i protagonisti delle filiere. Un momento di confronto e approfondimento a livello regionale sul settore, i suoi sviluppi e il futuro.

Quali sono le strade per rendere il mondo della plastica sostenibile ?

Le direttrici per far in modo che anche la plastica possa ridurre l’impatto ambientale possono essere sostanzialmente tre. Azioni che accompagnano tutto il settore produttivo verso una transizione ecologica sostenibile ed efficace.

Ottimizzazione della catena di riciclo

La plastica non può essere rappresentata come il male assoluto, perché è un materiale potenzialmente riciclabile al 100% e riutilizzabile innumerevoli volte. Per caratteristiche intrinseche la plastica ha proprietà difficilmente sostituibili, ecco dunque che diventa necessario investire sui sistemi di riciclo e sulle tecnologie che consentano al polimero di avere una seconda, terza o quarta vita. Una delle strade che possono rivelarsi vincenti è quella del recupero chimico, una strada innovativa che sta impegnando in particolar modo ricercatori e imprese.

Plastica sostenibile alternativa

Sebbene la strada da percorrere sia ancora lunga, il mercato ha già fornito risposte per quanto riguarda l’utilizzo di alternative. Una delle ipotesi è quella della plastica compostabile, che può essere decomposta da batteri o funghi quando si trova in un ambiente acquatico, gassoso o costruito da biomassa. La bioplastica è invece il prodotto ricavato da biomassa (amido di mais, grano, tapioca, patate, etc.) che non contiene alcun componente di origine fossile. Ma anche la plastica riciclata è già una realtà, perché consente di creare una circolarità continua di prodotti che rimangono nel mercato dopo la prima produzione.

Riduzione delle plastiche non riciclabili

Le tipologie di plastica sostenibile o riciclabile sono facilmente individuali attraverso il codice apposto sulla confezione del prodotto: PET, HDPE, PVC, LDPE, PP (polipropilene) e PS (polistirene). Le plastiche non riciclabili invece sono quelle che se riciclate subiscono un processo di degradazione chimica e quindi diventano difficilmente convertibili a nuova vita. Solitamente sono indicate sul prodotto con il codice 7. Qualche esempio? Utensili e posate da cucina, giocattoli, sedie e tavoli da giardino, tubi, pennarelli, cartelline portadocumenti e via dicendo.

I prodotti per imballaggio in plastica sostenibile, riciclata e riciclabile esistono già

La gamma dei prodotti in plastica sostenibile si amplia con il passare del tempo, con la ricerca che compie ogni giorno in più passi da gigante in questo senso. Qualche esempio di prodotti in plastica sensibili all’ambiente?

  • Nastro adesivo ecologico ecoHIT 19, il nastro adesivo che viene prodotto con almeno l'85% di granulo riciclato proveniente dalle bottiglie di plastica. Un prodotto altamente performante che consente di mantenere inalterate le proprietà tecniche senza per questo generare altra plastica.
  • Cuscini ad aria per riempimento. Serve un materiale per bloccare in maniera efficace la merce all’interno delle scatole? I cuscini gonfiati ad aria attraverso l'apposita macchina per riempimento a cuscini d'aria sono la soluzione: il film infatti può essere realizzato in materiale biodegradabile, 100% riciclato o addirittura compostabile.
  • Patatine” per riempimento ecochips: soffici e morbidi fiocchi da riempimento venduti in sacchi e completamente biodegradabili perché prodotti unicamente in mais sena ogm. Possono addirittura essere conferiti nella frazione organica.
  • Pluriball riciclato. Esiste al mondo qualcosa di più divertente e rilassante di scoppiare le bolle d’aria? Probabilmente no, ma per non farsi venire i sensi di colpa è possibile scegliere il pluriball composto al 70% da polietilene riciclato e al 30% da polietilene rigenerato.

Scopri tutta la gamma di prodotti ecologici sul nostro sito.

8 luglio 2022