L’estate sta finendo, ma già in questo preciso istante può lasciare un avvertimento: un caldo così non si era mai visto. In Italia le temperature di luglio hanno superato di 14 gradi la media storica: un caldo atroce percepito chiaramente a qualsiasi latitudine. Qual è il collegamento diretto tra le temperature tropicali dell’Italia e in particolar modo della Lombardia, e il mondo degli imballaggi? Presto spiegato: un utilizzo consapevole delle materie prime e soprattutto una raccolta differenziata effettuata in modo efficiente possono contribuire a diminuire le emissioni dei gas climalteranti nell’atmosfera e ridurre così il surriscaldamento del pianeta. Un contributo non da poco per un settore in crescita come quello dell'imballaggio e del packaging.

Italians do it better: gli italiani meglio di tutti nel riciclo della carta del cartone  

Secondo i dati diffusi dal 27esimo rapporto annuale Comieco (Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica) l’Italia nel 2021 ha raggiunto il miglior risultato in assoluto per quanto riguarda il riciclo della carta e del cartone. Un comportamento virtuoso le cui conseguenze possono portare un beneficio diretto anche in termini di transizione ecologica. Il recupero della materia prima infatti ha notevoli vantaggi a livello ambiente:
  • Il processo di riciclo impiega meno energia rispetto al ciclo di produzione da materia prima. Produrre energia al giorno d’oggi è ancora poco sostenibile: cresce il fotovoltaico, il solare termico, l’eolico, ma le centrali a fossile o a carbone sono ancora ben presenti e attive in tutto il pianeta.
  • Lo spreco di risorse, in quanto non vengono abbattuti nuovi alberi. Le certificazioni della carta (FSC ad esempio) consentono di produrre materiali da foreste sostenibili e controllate, ma ridurre il taglio degli alberi ha un duplice impatto positivo: nella produzione di ossigeno e nella riduzione di Co2 immessa per il taglio.
  • Si riduce la quantità di rifiuto indifferenziato conferito nelle discariche, poiché il prodotto riciclato giunge alla piattaforma di selezione, quindi alla cartiera e poi all’industria cartotecnica (guarda il video che illustra il riciclo della carta).
  • Gli agenti chimici impiegati in fase di riciclo sono inferiori rispetto a quelli impiegati nel processo di realizzazione da materia prima.

Ma di che numeri stiamo parlando?

Il dato relativo al 2021 è a dir poco sbalorditivo, con l’Italia che si piazza davanti a tutti in Europa grazie ai suoi  3,6 milioni di tonnellate di cellulosa differenziati. Un incremento sensibile rispetto all’anno precedente (+ 3,2%), che corrisponde a circa 60 kg di materiale raccolto pro capite. Un dato che rassicura l’Italia anche in materia di obiettivi comunitari, visto che per il secondo anno consecutivo l’Italia raggiunge i parametri imposti dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Quali sono dunque gli imballaggi che aiutano l’ambiente?

È bene precisare che di base sono i comportamenti i principali motori per aiutare l’ambiente: un corretto conferimento di qualsiasi materiale (che sia plastico o cellulosico) favorisce infatti la circolarità degli elementi e uno spreco di energia inferiore. In questo caso specifico però un esempio calzante è quello dei sistemi di riempimento con carta:
  • Speedman® Box: una pratica scatola con dispenser integrato per ottenere materiale da riempimento in carta per qualsiasi necessità. E la carta utilizzata è 100% riciclata e riciclabile.
  • Formpack®: una classica bolla ad aria, ma in carta. Dotato anche di dispenser, questo tipo di prodotto non solo consente di riempire il volume in eccesso all’interno delle scatole, ma ha un elevato grado di protezione che consente di preservare i prodotti da urti o graffi. Anche in questo caso tutta la carta utilizzata è 100% rigenerata e 100% riciclabile.
  • Buste imbottite in carta Nexst: una busta in carta completamente riciclata e riciclabile, imbottita con una carta ad alveare riciclata e riciclabile. Una busta completamente sostenibile.
  • Le macchine per l’imballaggio possono inoltre dare una grande mano all’ambiente: la macchina tritacartoni ad esempio consente di trasformare i cartoni di scarto in materiale da riempimento, mentre la gamma Speedman consente di produrre carta da riempimento anche in quantitativi consistenti.

25 agosto 2022