Ideale per la filiera del freddo, ideale per chiunque cerchi un nastro ad alte prestazioni ad un prezzo accessibile. Arriva sul mercato “222-  il nastro adesivo a prova di ghiaccio”, un prodotto sviluppato da ricerca e lo sviluppo sul supporto e sull'adesivo. Ideale per l’imballaggio industriale, è realizzato il polietilene biorientato (BOPP) e adesivo acrilico a base acqua: completamente privo dunque di solventi. Lo svolgimento è rumoroso ed è disponibile tanto per l’applicazione manuale tramite dispenser o tendinastro, oppure per la chiusura di imballi di medio peso con nastratrici automatiche.

Il nastro adesivo per basse temperature: perché?

Nastro adesivo per basse temperature222 nasce come prodotto indicato per chi deve operare con stoccaggio o trasporto di prodotti a basse temperature. Lo speciale adesivo acrilico pensato appositamente infatti garantisce ottime prestazioni in ambienti di trasporto e di stoccaggio umidi o particolarmente freddi, mantenendo inalterate le sue proprietà addirittura fino a -18°. Proprietà che lo rendono particolarmente indicato nella filiera del freddo o nel settore della refrigerazione. Per garantire la sua funzionalità, l’applicazione del nastro deve però avvenire in condizioni standard, quindi prossime alla temperatura ambiente.

Il nastro adesivo per basse temperature è indicato soltanto per la filiera del freddo?

Assolutamente no. La particolarità di 222 è infatti di avere un’adesività elevata rispetto ai tradizionali competitor sul mercato. Questo conferisce al nastro una resa maggiore ad un costo inferiore. Chi necessita di un nastro per imballaggio industriale maggiorato (quindi con percentuale di colla superiore rispetto allo standard) è infatti costretto a investire un extra budget per avere prestazioni migliori, mentre 222 grazie al particolare acrilico impiegato conferisce un’alta adesività. Il test AFERA 5001 (che indica il livello di tensione superficiale) ha provato che il nastro 222 ha un indice di 5,3 N/cm per quanto riguarda l’adesività sull’acciaio, mentre il nastro standard acrilico si ferma a 1,7 e il nastro standard hot melt a 2,0.

Come si comporta sulle scatole in cartone riciclato?

La particolare composizione lo rende adatto anche su scatole con elevato contenuto di cartone riciclato. Una particolarità non da poco, che rende 222 contemporaneo e attuale visto il crescente impiego di materiale seconda vita. La predisposizione alla sostenibilità e all’ambiente infatti ha catalizzato l’attenzione sia nella scelta dei prodotti che nelle strategie dell’ufficio acquisti, sempre più attento a una tematica tanto importante.

Un nastro adesivo blu: unico nel suo genere e infinitamente personalizzabile

Il colore blu (non coprente) esalta le caratteristiche del nastro rendendolo immediatamente riconoscibile e unico sul mercato. Ideale per riconoscere e identificare la merce a prima vista in magazzino, si configura come un prodotto moderno e innovativo. Disponibile in vari formati e lunghezze (manuale o macchinabile), può anche essere stampato e quindi personalizzato con loghi aziendali o scritte dedicate.

Ti sono piaciuti i contenuti di questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli imballaggi.

13 febbraio 2023